home                 chi sono                  consulenze                   dove sono                 contatti
progetti & locandine                         video                         avvertenze                         copyright ©

Sali di Shüssler

 

            Breve presentazione dei Sali

            Cenni di storia dei Sali di Shüssler

            Come agiscono i Sali

            Quando sono indicati

            Impiego e dosaggi

            I 12 Sali di Shüssler quali sono, a cosa servono

            Collegamenti cellule e Sali

            Il parere della medicina tradizionale

            Bibliografia

 

 


Seguimi su       per molti altri argomenti





Breve presentazione dei Sali


I Sali tissutali sono un metodo terapeutico che si fonda sulla somministrazione di alcuni minerali, componenti fondamentali dell'organismo umano, che vengono preparati secondo la tecnica omeopatica di dinamizzazione. Possono essere considerati come dei catalizzatori per certe reazioni biochimiche dell'organismo. Hanno un ampio spettro d'azione, solitamente vengono utilizati alla sesta diluizione (D6) che produce un effetto "Yang", di accelerazione dei processi difensivi, metabolici e depurativi, con un risultato rapido e intenso.

I sali stimolano le funzioni attraverso un'azione regolatrice delle funzioni organiche e favoriscono il processo di guarigione di diversi disturbi.
I Sali di Shüssler possono rappresentare un metodo terapeutico completo, purché siano indicati in modo preciso per le vere necessità dell'individuo e con un'assunzione adeguata.

Il metodo non presenta nessun tipo di effetti collaterali.

 


torna su

Cenni di storia dei Sali di Shüssler


Wilhelm Heinrich Shüssler nacque nel 1821 a Bad Zwischenahn in Germania, per difficoltà economiche familiari iniziò gli studi tardi, si laureò in medicina ed esercitava come medico chirurgo ostetrico. Nella sua pratica fu fortemente influenzato dalla materia medica omeopatica, e dal pensiero di Hahnemann e curò per oltre 15 anni i suoi pazienti con l'omeopatia. Shüssler, alla continua ricerca di nuovi metodi terapeutici, trovò ispirazione in una pubblicazione dello scienziato Moleschott, dove scriveva che le sostanze residue della combustioni di cadaveri, le ceneri, appartengono alla materia di base dei tessuti. Shüssler ne approfondì gli studi e ne dedusse che in caso di malattia era possibile trattare il tessuto malato somministrando i sali caratteristici del tessuto stesso. Applicò la sua formazione omeopatica per diluire i sali e ottenere dei sali minerali alle potenze omeopatiche, sviluppando dei rimedi che portano il suo nome: i sali di Shüssler.

 


torna su

Come agiscono i Sali

 

I sali di Shüssler essendo a potenza omeopatica, non sostituiscono un apporto ponderale dei sali minerali (che invece viene garantito da una sana alimentazione ed eventuali integrazioni), ma hanno la funzione riequilibratrice in caso di malattia, e di distribuzione e assorbimento del minerale carente nell'organismo. Shüssler definì i disturbi che si presentano anche in persone ben alimentate e sane :"distribuzione errata di molecole", ossia il sale non si trova al posto giusto nel momento giusto!

Per esempio nei crampi, sarà utile Magnesium Phosphoricum che ripristina la corretta distribuzione degli ioni, affinché le particelle di magnesio penetrino in ogni singola cellula muscolare, risolvendo i crampi.

Questo succede perché un atomo, a cui vengono tolti uno o più elettroni, diventa uno "ione positivo". Se, invece, gli vengono aggiunti uno o più elettroni, diventa uno "ione negativo".

Una soluzione che contiene degli ioni (positivi o negativi) conduce corrente e viene definita "elettrolita". In una soluzione gli "acidi" generano ioni di idrogeno positivi (H+), mentre i "basici" generano ioni negativi (OH-).

Quando un acido e un basico vengono mescolati insieme nelle giuste proporzioni si neutralizzano l'un l'altro. Questo accade perché gli ioni H+ e OH- si uniscono per formare dell'acqua e, in questo processo di neutralizzazione, viene prodotto anche un "sale".

Il sale è formato quindi da ioni negativi dell'acido e quelli positivi del basico.

 


torna su

Quando sono indicati


Premettendo che bisogna sempre considerare la persona, nel suo insieme delle caratteristiche psico-fisiche individuali, per poter individuare il rimedio più indicato al suo disturbo, di seguito elenco le principali indicazioni dei Sali di Shüssler:

  • Affezioni della pelle e annessi cutanei
  • Cicatrizzazioni e crescita
  • Infiammazioni e lesioni
  • Alterazioni delle mucose
  • Muscoli e nervi
  • Infiammazioni croniche patologiche della pelle
  • Dolori e crampi
  • Bilancio dei liquidi corporei
  • Metabolismo
  • Secrezione e disintossicazione
  • Tendini, cartilagini e ossa
  • Drenaggio delle suppurazioni
  •  


    torna su

    Impiego e dosaggi


    I rimedi utilizzati per il trattamento biochimico sono sali triturati con lattosio, sono disponibili in forma di compresse, dolci, gradite anche ai bambini.
    Ci sono diverse indicazioni nei dosaggi, sono in base all'età e al tipo di sintomo, è fondamentale la distinzione dei sintomi.

    Sintomi cronici -
    Disturbi presenti da molto tempo e acutizzati, o a comparsa periodica, si possono assumere sali anche a sostegno della terapia medica (se effettuata).
    Indicativamente questi sono i dosaggi consigliati:
    Lattanti - 1 compressa - 1-2 volte al giorno
    Bambini 2-8 anni - 1 compressa 2-3 volte al giorno
    Bambini 9-13 anni - 1 compressa 3 volte al giorno
    Ragazzi e Adulti - 2 compresse 3 volte al giorno

     

    Sintomi acuti
    Disturbi che compaiono all'improvviso e in modo violento, importante offrire all'organismo un sostegno per stimolare la guarigione.
    Per i dosaggi consigliati sono dati in base alle condizioni, alla manifestazione sintomatica, alla capacità reattiva e all'età del soggetto.
    Indicativamente si consiglia una somministrazione di 1-2 compresse ogni 30 minuti, nel primissimo stadio iniziale, per poi diminuire assunzioni e dosi seguendo il miglioramento.

     

    I Sali non devono essere deglutiti, ma lasciati sciogliere lentamente in bocca, sotto la lingua, dove dovranno essere tenuti fino al completo scioglimento.
    Se sono necessari più rimedi si possono alternare lungo a la giornata.

     


    torna su

    I 12 Sali di Shüssler quali sono, a cosa servono


    Sale

    Proprietà

    Indicazioni

    N.1
    Calcium fluoratum D12

    Il fluoruro di calcio favorisce
     il consolidamento, l'irrobustimento e la resistenza delle ossa,
    dei tendini, dei legamenti,
    dei denti e delle unghie. Previene la formazione
    della carie

    Varici
    ulcere varicose,
    periostiti,
    osteomieliti, lombaggini, nevralgie,
    prolasso uterino, infiammazioni muscolari, ipercheratosi,
    carie dentaria
    Malattie croniche

    N.2
    Calcium Phosphoricum D6

    Il fosfato di calcio è la principale sostanza minerale coinvolta nella formazione e mineralizzazione delle ossa:ne promuove la crescita e accelera la guarigione delle fratture. Concorre alla formazione di denti

    Ossificazione disturbata rachitismo,
    carie dentaria (durante la gravidanza)
    crescita ritardata
     Anemia, leucorrea, diarrea, seborrea ed eczema

    N.3
    Ferrum Phosporicum D12

    Il fosfato di ferro ha una funzione importante nella difesa dalle infezioni,
    tutte le malattie improvvise, per i processi infiammatori e febbrili nella loro fase iniziale migliora l'approvigionamento di ossigeno nella muscolatura, questa azione conduce anche ad una prevenzione dei dolori muscolari.

    Emorragia, anemia. Mal di testa. Leucorrea. Angina. Infiammazione con febbre e congestione della testa come otite media acuta, broncopolmonite. Reumatismi muscolari e articolari. Gastroenterite

    N.4
    Kalium Chloratum D6

    Il cloruro di potassio regola il bilancio dei liquidi. Partecipa al funzionamento dei nervi e dei muscoli e al metabolismo del glucosio e le proteine. Efficace per il catarro, per i  disturbi alle orecchie, agli occhi ed alla gola. Azione disintossicante, riduzione di effetti collaterali in casi di vaccinazioni o di sostanze narcotiche o medicinali.

    Raffreddore cronico, eczema con desquamazione bianca, infiammazione mucosa intestinale, congiuntivite, infiammazione mucose e articolazioni, bronchite, tutte le infiammazioni associate a febbre

    N.5
    Kalium Phosphoricum D6

    Il potassio partecipa al funzionamento di muscoli e di nervi. Importante per gli stati di esaurimento,depressione. Indispensabile per la fluidità del sangue e per la formazione di globuli rossi, dei tessuti, delle cellule cerebrali, nervose e muscolari. La carenza porta al sovraffaticamento di tali organi e può essere accompagnato da disturbi psichici quali abbattimento, senso di angoscia, tristezza e debolezza della memoria.

    Affaticamento mentale, nevrastenia, esaurimento (specialmente dopo infezioni).
    Depressione, insonnia. Affaticamento muscolare con dolori dorsali

    N.6
    Kalium Sulfuricum D6

    Il Solfato di potassio è presente nella pelle, nelle ossa, nei muscoli e nelle unghie. Per le infiammazioni croniche come le affezioni cutanee con desquamazione,  o catarro cronico.
    Per la disintossicazione dell'organismo

    Infezioni accompagnate da secrezioni gialle mucose, bronchiti, laringiti, faringiti, sinusiti. Otiti medie croniche, congiuntivite della palpebra, eruzioni cutanee purulente

    N.7
    Magnesium Phosphoricum D6

    Fosfato di magnesio, per dolori e gli spasmi, nevralgie in tutte le zone del corpo, tendenza all'emicrania, e tosse serale che non permette di addormentarsi (alta efficacia per i bambini). Abbassa il metabolismo ed il livello del colesterolo nel sangue. Rinforza il rendimento fisico e mentale

    Spasmi dolorosi dei muscoli lisci degli organi cavi: stomaco, intestino, vescica
    Tosse convulsa, dolori mestruali, coliche addominali,  nervosismo, dolori reumatici

    N.8
    Natrium Chloratum D6

    Il cloruro di sodio, è essenziale alla vita, regola la ritenzione idrica e i liquidi del nostro corpo ed è necessario per la costituzione di nuove cellule. Lega i veleni metallici, l'arsenico e il fumo, come anche i veleni organici che giungono nell'organismo attraverso le punture degli insetti e li espelle

     

    Ritenzione idrica, gonfiori, edemi, pelle e mucose secche, secrezione di liquidi come lacrime o sudore, stitichezza, eruzioni cutanee con vescicole sierose, debolezza generale

    N.9
    Natrium Phosphoricum D6

    Il Fosfato di sodio, indicato per la neutralizzazione l'eccesso di acido. Se per una eccessiva acidità dovuta a carenza di fosfato di sodio il cibo rimane per troppo tempo nel corpo, perchè riesce a malapena ad essere digerito, ciò porta a disturbi secondari quali reumatismi, sudore acido che ha odore forte e irrita la pelle, col tempo conduce a disturbi gastrici, renali e vescicali, anche disturbi alla vista come le mosche volanti o una facoltà visiva instabile stanno ad indicare una iperacidificazione

    Disturbi digestivi, coliche, flautolenza, nei bambini e negli adulti, crampi addominali, vomito acido, iperacidità generale, disturbi respiratori (asma), acne da fattori metabolici

    N.10
    Natrium Sulfuricum D6

    Il solfato di sodio, contenuto in piccola quantità nelle cellule, mentre è piuttosto presente nella linfa con il compito di favorire l'eliminazione dei liquidi e delle scorie metaboliche del corpo, disintossicando l'organismo e stimolando la secrezione biliare. Eliminazione e drenaggio

    Edema, deposito di acido urico nei tessuti. Coliche gassose, pancreatite, ittero, stitichezza, diarrea, edema, vescicole con contenuto giallo/verde, acne, malinconia, depressione dopo trauma cranico

    N.11
    Silicea D12

    Acido Silicico, partecipa alla formazione del collagene, cute, della mucosa, di unghie, capelli ed ossa. Aumenta la resistenza meccanica dei tessuti , sostanza del ringiovanimento, regola la sudorazione aiutando ad eliminare le tossine attraverso la pelle, scioglie i depositi di cristalli di acido urico.
    Partecipa all'assimilazione del cibo di calcio

    Aiuta a fissare il calcio nelle ossa, rachitismo, ritardo nella crescita, suppurazioni della pelle, foruncoli, osteoporosi, disturbi della formazione ossea, patologie tendinee, fragilità capelli e unghie, giradito purulento

    N.12
    Calcium Sulfuricum D6

     

    (Shüssler escluse questo sale dai suoi rimedi, ma l'efficacia ne è stata approfondita nel tempo da altri terapeuti, ed è ritenuto molto efficace)

    Solfato di calcio, presente nella cartilagine, stimola le cellule preposte alla secrezione ormonale, stimola il metabolismo, favorisce la formazione del tessuto connettivo, la coagulazione del sangue e svolge una azione di depurazione delle mucose. Utile in presenza di pus che fuoriesce dai focolai suppurativi

    Suppurazione della pelle e delle mucose, alterazioni della crescita ossea, malattie reumatiche croniche, disfunzioni epatiche, infiammazioni di linfonodi, bronchiti persistenti e purulente

     


    torna su




    Collegamenti cellule e Sali

     

    Cellule dell'organismo

    Sali Tissutali

    Cervello e nervi

    Kalium Phosphoricum
    Magnesium Phosphoricum
    Natrium Phosphoricum
    Ferrum Phosphoricum

    Muscoli

    Calcium Phosphoricum
    Kalium Phosphoricum
    Magnesium Phosphoricum
    Natrium Phosphoricum
    Ferrum Phosphoricum

    Tessuto connettivo e annessi cutanei

    Silicea - Natrium Chloratum

    Tessuti elastici (cartilagini e muscoli)

    Calcium fluoratum

    Mucose che rivestono gli organi interni

    Natrium muriaticum

    Ossa

    Calcium fluoratum- Calcium Phosphoricum Magnesium Phosphoricum

    Pelle

    Kalium Sulphuricum - Silicea

    Capelli e unghie

    Kalium Sulphuricum - Silicea
    Ferrum Phosphoricum

    Tutto l'organismo

    Ferrum Phosphoricum


    torna su


    Il parere della medicina tradizionale


    La presenza di sali nel corpo umano è scientificamente accertata, tuttavia non tutti i medici sono concordi sulla relazione tra la malattia e la carenza dei sali minerali, ma tutti concordano sul fatto che i sali sono rimedi leggeri, non tossici, ai quali non è possibile assuefarsi e che i 12 Sali di Shüssler sono effettivamente fondamentali per una condizione di benessere dell'organismo. Non esistono controindicazioni ai Sali tissutali, ma per le patologie gravi è sempre bene consultare il proprio medico. Qualsiasi forma di autodiagnosi e, in genere, di auto somministrazione di rimedi (anche se privi di effetti collaterali) è sempre sconsigliabile.

     


    torna su

     

    Bibliografia:
    Brigo B. "I sali di Shüssler" - Ed. Tecniche Nuove
    Heepen G.H. " I sali di Shüssler-12 sostanze minerali per la salute" - Ed. Tecniche Nuove
    Pietroni P.C. "Guida alla Medicina Naturale" Ed. Selezione


    avvertenze                         copyright ©